La torre della fondazione Prada – Milano

La Fondazione Prada è un’area espositiva di circa 19.000 mq in Via Isarco a Milano. È stata fondata nel 1993 ed è la combinazione di edifici preesistenti della ex distilleria Società Italiana Spiriti e tre nuove costruzioni: il Podium, il Cinema e la Torre. La fondazione non vuole avere solo un carattere moderno, ma abbinare il moderno con l’antico. Oltre agli spazi dedicati alle mostre, possiamo trovare anche un bookshop, una biblioteca, un bar ed un ristorante.

Gli spazi dedicati alle mostre permanenti sono tre: Haunted house, Atlas e il Processo grottesco. A causa delle restrizioni dovute al Covid-19 al momento è possibile entrare solo nel progetto permanente Atlas e nella mostra “Storytelling” dell’artista Liu Ye.

Atlas

L’installazione più recente è Atlas ovvero una torre di nove piani progettata dallo studio di architettura OMA e guidata dall’architetto Rem Koolhaas. Cinque piani della torre sono espositivi, ospitano delle installazioni e opere molto particolari che sanno sicuramente catturare l’attenzione dei visitatori, vi mostro quelle che secondo il mio parere sono le più creative.

La visita inizia dal nono piano con un breve percorso al buio che ti porta davanti a dei funghi giganti appesi al soffitto. Un’ opera stupendamente fiabesca ideata da John Baldessari e Carsten Holler.

Upside Down Mashroom Room di John Baldessari e Carsten Holler

La sala cinque al settimo piano è caratterizzata da soffitti molto alti e una vetrata che consente ai visitatori di ammirare una meravigliosa vista su Milano. All’interno della sala sono presenti due artisti: Damien Hist e William N. Copley.

Il primo ha deciso di inserire nella sala delle teche separate tra di loro ognuna con uno scenario diverso ma tutte collegate dalla metafora della crudeltà della vita umana. Il secondo artista ha creato dei quadri nei quali rappresenta soggetti e rituali erotici proprio per cercare di superare le “barriere della pornografia”.

Tears for everybody’s looking at you di Damien Hirst 

Al terzo piano è presente la sala due dove possiamo ammirare le tre Chevrolet rosse e beige che hanno la caratteristica di essere attraversate da un palo di metallo, opera di Walter De Maria. L’installazione viene chiamata “Bel Air Trilogy: Circle Rod, Square Rod, Triangle Rod 2000 -2011”.

Al secondo piano la parola d’ordine è contrasto, le operano dialogano tra di loro attraverso collegamenti insoliti ma straordinari, partendo dai colori fino ad arrivare ai materiali. Arrivati sul piano catturano subito l’attenzione “Tulips” ovvero dei tulipani in acciaio specchiante colorato dell’artista Jeff Koons. I tulipani sono circondati da ideogrammi realizzati tra gli anni 60’ e 70’ da Carla Accardi.

Tulips di Jeff Koons

Storytelling

Storytelling è il titolo della mostra temporanea di Liu Ye all’interno della Fondazione Prada a Milano fino al 10 Gennaio 2021. I quadri all’interno di questo spazio espositivo riguardano la pratica della narrazione ed in particolare, richiama una pratica umana che porta la nostra mente a costruire storie in continuazione. Storytelling è una mostra che assume diverse tematiche a seconda di chi la osserva. Alcune narrazioni che si creano tra i dipinti sono piuttosto semplici e immediate, altre invece, sono lasciate alla libera interpretazione dello spettatore, fortemente chiamato in causa come parte attiva nella mostra.

La Fondazione Prada è a Milano ed è un’ottima occasione per passare una giornata alternativa immersi nell’arte.

Per altre informazioni e l’acquisto dei biglietti visita il sito ufficiale!


close

Non perderti le novità!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.